March 2, 2017

Il grattacapo FW17 di Gucci svelato



Ancora dopo una settimana si continua dibattere sulla sfilata co-ed FW 17 di Gucci e, me compreso, ancora in tanti, ci si gratta il capo, cercando di carpire il senso dei 120 look che fatti sfilare in un corridoio di plexiglass.con tanto di esoterica piramide con annessa banderuola. Penso di aver digerito il tutto e essermi fatto un'idea chiara di quello che Alessandro Michele ci ha proposto.

Tra chi definisce la collezione eccessiva e 'troppa', chi un capolavoro e chi ha ancora un punto interogativo in testa, nessuno si e' soffermato ad osservare gli indizi che lo stilista ha disseminato prima e durante lo show, per enderlo comprensibile e meno emermetico. Nemmeno io a dire la verita, ma riguardando i look con attenzione, facendo una ricerca attenta sul mood e anche sul fatturato, penso di averci, finalmente capito qualcosa.



Prima di tutto sono andato a vedere il fatturato 2016, sul sito Kering, sia per togliermi di mezzo da subito, la parte noiosa del mio tentativo di risolvere il 'rompicapo' FW17 e sia per scoprire se chi ha commentato dicendo che la collezione strizza l'occhio all'Oriente avesse ragione. La risposta e' affermativa, non solo per gli evidenti omaggi in sfilata ( parasoli e stampe orientali) ma anche numericamente - l'area Asia Pacific ha contribuito al 34% del fatturato e il Giappone un altro 10%. Questo e' un minuscolo tassello per capire alcuni look, oltre al fatto che gli articoli in pelle contribuiscono al 55% delle vendite totali.


Arriviamo pero' alla parte importante per decodificare la sfilata. Avevo scordato come, sin dal suo debutto, il Gucci di Alessandro Michele mi sia piaciuto, facendo pero' sempre lo sforzo di andare oltre lo styling e le stratificazioni dei look; questa volta tale imopegno ce l'ho messo solo alla terza visione della collezione, guardando bene i dettagli dei look. Facendo cosi' si vede benissimo come tutto sia s semplicemente bello,dagli abiti agli accessori.












Infine gettiamo luce sul mood, la cui chiave era tutta nell'invito-vinile alla sfilata, sul cui lato A Florence recita poesie di William Blake tratte da ' Songs of Innocence and Experience' e sul lato B A$AP Rocky legge la 'Lettera d'amore di Frederich Wentworth ad Anne Elliott' ( romanticissima!), tratta da 'Persuasion' di Jane Austen. Questi due testi ci offrono il contesto per apprezzare il giardino alchemico di Gucci in cui l'amore ( un evergreen al di la' di quel futuro di cui non sappiamo bene cosa farcene) e' la risposta all'epoca travagliata che stiamo vivendo, caratterizzata dalla perdita dell'innocenza e da esperienze di un mondo fatto di guerre, problemi economici e governi sulla strada del totalitarismo)

No comments:

Post a Comment

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...